Home page -Comunicazioni Questo blog non rappresenta un testata giornalistica e non viene aggiornato periodicamente – raccoglie opere © di francesco zaffuto – ed è collegato in rete con i blog:

R RARITA’ (Non dizionario)


Per definire un evento raro, che difficilmente poteva accadere o che poteva accadere con tanta distanza nel tempo, a Roma si diceva::
“ad ogni morte di Papa”.
Da oggi si di dirà “ad ogni dimissione di Papa”.
Grazie all’annuncio di Benedetto XVI di voler lasciare la carica papale il 28 febbraio 2013  si può dire che è cambiato il modo di definire la RARITA’.
La Rarità è qualcosa di possibile ma che difficilmente accade. Oggi tutti i giornali e TV parlano di rivoluzione e rinnovamento e chiosano e spettegolano su un gesto bello e di buon senso di un uomo che si rende conto della sua vecchiaia e dei limiti della materia del corpo.
Parlano di gesto rivoluzionario, ma se leggiamo il diritto canonico era ben previsto, ecco l’articolo che sta applicando il Papa:
Can. 332 - §1. Il Romano Pontefice ottiene la potestà piena e suprema sulla Chiesa con l'elezione legittima, da lui accettata, insieme con la consacrazione episcopale. Di conseguenza l'eletto al sommo pontificato che sia già insignito del carattere episcopale ottiene tale potestà dal momento dell'accettazione. Che se l'eletto fosse privo del carattere episcopale, sia immediatamente ordinato Vescovo.
§2. Nel caso che il Romano Pontefice rinunci al suo ufficio, si richiede per la validità che la rinuncia sia fatta liberamente e che venga debitamente manifestata, non si richiede invece che qualcuno la accetti.
Allora dove sta la Rarità del gesto di Benedetto XVI, sta nel fatto che altri Papi non lo hanno mai fatto, e che tantì uomini di potere si guardano bene dal fare.  Il suo gesto di grande umiltà va nella direzione del riconoscimento dell’uomo, delle sue fatiche della sua uguaglianza con gli uomini.
Non posso che fare un augurio a  Joseph Ratzinger di concludere serenamente gli ultimi anni della sua vita.
11/02/2013 - francesco zaffuto

8 commenti:

  1. Caro Francesco, io ho quasi 83 anni non avrei mai pensato di vedere un Papa che si dimette!!!
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Tomaso ti auguro anche di vedere anche un nuovo rinascimento dell'Italia. ciao

      Elimina
    2. E' giusto porre l'accento (come ben fai, in questo e negli altri tuoi post) sull'essere uomini, cosa che in tanti, in troppi, abbiamo dimenticato! Un caro saluto.

      @Tomaso:
      Hai ragione: il potere, per il capo della chiesa mondiale, potrebbe anche ubriacare, ma questa volta ha vinto la ragionevolezza.Almeno, così mi piace pensare..
      Se ti vedi 'Habemus papam', film di Nanni Moretti c'è una storia analoga.
      Un caro saluto.

      Elimina
    3. ciao mr. Hyde
      l'altra notte in sogno mi proponevano di fare il Papa e di stare in carica fino a 86 anni l'età di Benedetto, con i miei 65 dovevo lavorare per altri 21 anni, era un incubo.

      Elimina
  2. Peccato, Ratzinger era un papa che mi piaceva, ma condivido il tuo pensiero. Molti sul web si chiedono cosa ci sia dietro queste dimissioni e si legge di vari complottismi e ricostruzioni. Mah.

    RispondiElimina
  3. Ciao,oggi è il 17 febbraio, San Valentino è ormai archiviato ma non è mai troppo tardi per festeggiare l'amore... perciò ti porto questi cuoricini giacché la strada dell'amore, trova sempre una sua destinazione. Buona domenica!


    ▒▒▒███▒▒▒▒▒▒▒███▓▒░■
    ▒▒██▓▓██▒▒▒██▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓██▒██▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓▓▓█▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒██▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒██▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒██▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒▒██▓██▓▒░■
    ▒▒▒███▒▒▒█▒▒▒███▓▒░■
    ▒▒██▓▓██▒▒▒██▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓██▒██▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓▓▓█▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒██▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒██▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒██▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒▒██▓██▓▒░■
    ▒▒▒███▒▒▒█▒▒▒███▓▒░■
    ▒▒██▓▓██▒▒▒██▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓██▒██▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒██▓▓▓▓▓▓█▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒██▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒██▓▓▓▓▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒██▓▓▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒▒██▓██▓▒░■
    ▒▒▒▒▒▒▒▒▒█▓▒░

    RispondiElimina
  4. Una decisione molto importante che mi riporta a San Pietro e alla prima Chiesa,pensando al Papa come uomo, come politico, come voce dello Spirito.
    Non posso giudicare, solo ripercorrere la storia, riflettere e pensare cosa rappresenti la fede e la Chiesa nei nostri giorni, in quest'epoca di grandi stravolgimenti morali e istituzionali.
    La decisione del Papa sembra dire:-fedeli svegliatevi, io sono stanco!-Stanco ed in primis UOMO

    RispondiElimina

SI POSSONO INSERIRE RETTIFICHE E COMMENTI A QUESTO POST IMMEDIATAMENTE ED AUTOMATICAMENTE. CHI INSERISCE RETTIFICHE E COMMENTI LO FA SOTTO LA PROPRIA RESPONSABILITA’ – Il curatore di questo blog si riserva di cancellare rettifiche e commenti che possano contenere offese a terzi o appelli alla violenza. Grazie per ogni rettifica o commento che andate ad inserire. Quando posso e quando trovo qualche parola rispondo.

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.